Skip to main content
La digitalizzazione nel settore delle PMI

Ottimizza le prestazioni del tuo sito web con la memorizzazione nella cache: una guida completa per gli utenti di WordPress

By 16. Aprile 2024No Comments9 min read
Speedometer

Cos’è esattamente una cache?

La “cache” è una memoria temporanea virtuale che memorizza i dati a cui si accede frequentemente. Il processo di memorizzazione dei dati nella cache è chiamato “caching”. Con la crescente dimensione dei siti web, oggigiorno le cache sono molto comuni. Risolvono un problema comune: l’ingrandimento del sito web, che può portare a tempi di caricamento più lenti per i visitatori e a un posizionamento peggiore nei motori di ricerca. I plugin di memorizzazione nella cache per WordPress sono una soluzione efficace per rendere il sito web più efficiente per i visitatori.

Come funziona esattamente la memorizzazione nella cache?

Ogni volta che un utente visita un sito web, vengono inviate numerose richieste al server. Questo processo può richiedere diversi secondi a seconda della quantità di dati e del numero di query sul database. È qui che entra in gioco il caching: i dati rilevanti vengono memorizzati nella cache la prima volta che si accede al sito web. Quando visiti di nuovo, i dati non devono essere recuperati nuovamente dal server, ma possono essere caricati direttamente dalla cache. La memorizzazione nella cache riduce al minimo le query quando si accede nuovamente allo stesso sito Web e quindi accelera i tempi di caricamento.

Diversi tipi di cache

Quando si tratta di memorizzazione nella cache, esistono diversi tipi di cache che archiviano e gestiscono diversi tipi di dati. Ogni tipo di cache ha la sua funzionalità specifica e il suo utilizzo per la performance di un sito web.

Cache delle pagine: il caching delle pagine si riferisce alla memorizzazione nella cache di intere pagine. Quando un visitatore visita una pagina per la prima volta, questa viene completamente generata e memorizzata nella cache. Alla visita successiva, la pagina potrà essere caricata direttamente dalla cache senza che il server debba generare nuovamente la pagina. Ciò porta a tempi di caricamento notevolmente ridotti e ad un carico inferiore sul server.

Caching del database: il caching del database si riferisce alla memorizzazione nella cache delle query del database. Quando un sito Web accede a un database per recuperare informazioni specifiche, il risultato di tale query può essere memorizzato nella cache. La prossima volta che si accede agli stessi dati, il sito Web può caricarli direttamente dalla cache invece di inviare nuovamente una query al database. Ciò riduce il numero di query del database e accelera la velocità di caricamento della pagina.

Cache degli oggetti: il caching degli oggetti si riferisce alla memorizzazione nella cache di oggetti PHP. Ciò consente di salvare e riutilizzare gli oggetti PHP utilizzati di frequente tra diverse visualizzazioni di pagina. Quando un sito Web crea o manipola determinati oggetti PHP, questi possono essere memorizzati nella cache. Quando si accede nuovamente alla stessa pagina, gli oggetti salvati possono essere caricati direttamente dalla cache invece di crearli nuovamente. Ciò aiuta a ridurre il carico del server e ad accelerare i tempi di caricamento delle pagine.

Ciascuno di questi tipi di cache svolge un ruolo importante nell’ottimizzazione delle prestazioni del sito web. Memorizzando nella cache e riutilizzando i dati a cui si accede frequentemente, aiutano a ridurre i tempi di caricamento e a migliorare l’esperienza dell’utente.

I vantaggi della memorizzazione nella cache:

La memorizzazione nella cache offre agli operatori e agli utenti dei siti web numerosi vantaggi:

  1. Aumento delle prestazioni (tempo di caricamento del sito Web): la memorizzazione nella cache accelera i tempi di caricamento, garantendo una migliore esperienza utente.
  2. Adatto ai motori di ricerca: tempi di caricamento rapidi sono un fattore importante per un buon posizionamento nei motori di ricerca.
  3. Riduci le query sul database: riduce al minimo la necessità di recuperare dati dal database a ogni visualizzazione di pagina.
  4. Riduzione del carico del server: meno richieste al server significano meno carico e tempi di risposta più rapidi.
  5. Aumento dell’usabilità: le pagine a caricamento rapido migliorano la facilità d’uso e aumentano la soddisfazione dei visitatori.

Perché dovresti utilizzare la memorizzazione nella cache come utente WordPress:

Gli utenti di WordPress traggono particolare vantaggio dalla memorizzazione nella cache perché WordPress ha una struttura del sito Web dinamica. Rispetto ai semplici siti Web HTML statici in cui i dati vengono forniti direttamente, i siti Web dinamici hanno diversi componenti che comunicano tra loro. Questo processo è più complesso e richiede più tempo affinché i dati siano disponibili per l’utente.

Differenza tra un plug-in di memorizzazione nella cache e la memorizzazione nella cache del browser:

Un plugin di caching regola la memorizzazione nella cache direttamente in WordPress e ottimizza la comunicazione tra database, sistema di gestione dei contenuti e server. Riduce le query del database, memorizza nella cache intere pagine e comprime CSS e Javascript.

La memorizzazione nella cache del browser, invece, memorizza i dati localmente sul computer dell’utente in modo che possano essere caricati più rapidamente quando si visita nuovamente. Ciò riguarda principalmente elementi come la grafica che vengono scaricati al primo accesso.

Come testare il tuo sito web con un plug-in di memorizzazione nella cache:

Per verificare l’efficacia di un plug-in di memorizzazione nella cache, si consiglia di misurare le prestazioni del sito Web prima e dopo. Strumenti come PageSpeed ​​​​Insights o Pingdom offrono analisi dettagliate delle prestazioni del sito web. Mostrano i tempi di caricamento, le dimensioni della pagina e del file, nonché suggerimenti per il miglioramento.

Integrazione delle migliori pratiche per l’ottimizzazione del sito web

Suggerimenti per ottimizzare le immagini, ridurre al minimo CSS e JavaScript e migliorare la configurazione del server per tempi di caricamento del sito Web più rapidi:

Ottimizzazione delle immagini: comprimi le immagini prima di caricarle sul tuo sito web per ridurre le dimensioni del file senza influire in modo significativo sulla qualità dell’immagine. Utilizza il formato immagine corretto (ad esempio JPEG per le foto e PNG per la grafica con trasparenza) e assicurati di includere immagini della dimensione corretta per evitare tempi di caricamento inutili.

Riduzione al minimo di CSS e JavaScript: rimuovi spazi, commenti e interruzioni di riga non necessari dai file CSS e JavaScript per ridurne al minimo le dimensioni. Ciò può ridurre significativamente il tempo di caricamento del tuo sito web. Inoltre, utilizza strumenti e plugin che minimizzano automaticamente i tuoi file CSS e JavaScript per semplificare il processo.

Miglioramento della configurazione del server: ottimizza la configurazione del server per migliorare i tempi di risposta del server e ridurre i tempi di caricamento del sito web. Ciò potrebbe includere l’utilizzo di HTTP/2, l’ultimo protocollo HTTP che supporta il multiplexing e il server push, nonché l’implementazione di reti per la distribuzione di contenuti (CDN) per fornire contenuti da server vicini agli utenti.

Guida per ottimizzare la struttura e i contenuti del sito web per un uso più efficiente della memorizzazione nella cache:

Struttura efficiente del sito web: assicurati che il tuo sito web abbia una struttura chiara ed efficiente che consenta la memorizzazione nella cache per archiviare e riutilizzare i contenuti in modo efficace. Utilizzare una struttura di cartelle logica e denominare file e directory in modo sensato per garantire prestazioni di memorizzazione nella cache ottimali.
Ottimizza i contenuti del sito web: riduci il numero di richieste HTTP combinando CSS e JavaScript e unendo i file. Ciò riduce al minimo il numero di file che il browser deve scaricare e accelera il tempo di caricamento della pagina. Inoltre, dovresti rimuovere i contenuti non necessari o obsoleti e assicurarti che il tuo sito web utilizzi un codice pulito ed efficiente per ridurre ulteriormente i tempi di caricamento.

Implementando queste best practice per l’ottimizzazione del sito web, non solo puoi migliorare le prestazioni del tuo sito web, ma anche garantire che tragga effettivamente vantaggio dalle tecniche di memorizzazione nella cache e fornisca un’esperienza utente ottimale.

Istruzioni dettagliate per diagnosticare i problemi di memorizzazione nella cache e risolvere i colli di bottiglia delle prestazioni:

Occasionalmente, quando si utilizzano tecniche di memorizzazione nella cache, potrebbero verificarsi problemi che potrebbero influire sulle prestazioni del sito web. Per diagnosticare e risolvere tali problemi, è importante utilizzare un approccio sistematico:

  1. Controlla le impostazioni della cache: assicurati che i plug-in o gli strumenti di memorizzazione nella cache siano configurati correttamente e che non vi siano conflitti con altri plug-in.
  2. Prova diversi livelli di cache: prova ad abilitare o disabilitare diversi tipi di cache (ad esempio caching della pagina, caching del database) e scopri come ciò influisce sulle prestazioni del sito web.
  3. Monitora le risorse del server: assicurati che il tuo server fornisca risorse sufficienti per le operazioni della cache e che non vi siano colli di bottiglia che potrebbero influire sulle prestazioni.
  4. Verifica la presenza di conflitti con altri plugin o temi: a volte plugin o temi possono causare conflitti con gli strumenti di memorizzazione nella cache. Disabilita temporaneamente altri plugin o temi e controlla se il problema persiste.
  5. Svuota la cache: se riscontri problemi con pagine obsolete o memorizzate in modo errato nella cache, svuota completamente la cache e rigenerala per garantire che tutto il contenuto sia memorizzato correttamente nella cache.

Conclusione:

L’integrazione di un plug-in di memorizzazione nella cache è una parte cruciale per migliorare le prestazioni del tuo sito web. Indipendentemente dalle dimensioni del tuo sito web, il tempo di caricamento può essere ridotto e l’esperienza dell’utente può essere ottimizzata. Con un plug-in di memorizzazione nella cache ben configurato, allevi le prestazioni del server e riduci le query del database, risultando in un sito Web complessivamente più veloce.

Lea

Author Lea

Leas umfangreiche Praxiserfahrung bereichert unser Team mit neuen Perspektiven und innovativen Methoden, insbesondere in den Fachgebieten SEO, Website-Analyse und Einhaltung der DSGVO. Ihr Studium als Wirtschaftsinformatikerin ermöglicht es ihr, eine Brücke zwischen technischen Lösungen und wirtschaftlichen Anforderungen zu schlagen – eine Kombination, die bei der Betreuung unserer mittelständischen Kunden von entscheidender Bedeutung ist. Diese spezialisierten Kenntnisse sind fundamental, um unsere digitalen Vorhaben voranzutreiben.

More posts by Lea